English version
Il vento artico ti ha portato su Home » diario di viaggio » Liefdefjord e Worsleyhamna

Liefdefjord e Worsleyhamna

18 luglio: navigazione nel Liefdefjord, sbarco a Worsleyhamna e 80° parallelo

Si naviga per tutta la mattinata nel Liefdefjord, avvicinandoci al ghiaccio Monaco. Nel pomeriggio sbarchiamo a Worsleyhamna e in serata si raggiunge di nuovo l’80° parallelo.

Navigazione nel Liefdefjord

Per tutta la mattinata è prevista la navigazione nel Liefdefjord. Il cielo è ancora nuvoloso. Trascorriamo la mattina gironzolando sui ponti della nave, a scattare fotografie al mare artico e a quello che offre.

Iceberg, pezzi di ghiaccio galleggianti e immense distese di acqua ghiacciata rendono la navigazione unica, accompagnata dal rumore del ghiaccio rotto dalla nave. Là possiamo ammirare l’ambiente artico.

Dapprima sono pochi e sporadici i pezzi di ghiaccio che galleggiano sul mare, ma poi cominciano ad apparire piccole isole bianche, che lasciano poi il posto a grandi distese di ghiaccio.

Durante la navigazione avvistiamo una balena e delle foche, una delle quali se ne sta sdraiata su un pezzo di ghiaccio.

Avvistiamo anche un orso. Dapprima sulla riva, poi si tuffa in acqua, quindi risale a riva e se ne va sulle colline, sparendo in breve alla nostra vista.

Avvicinandoci al ghiaccio … incrociamo l’Antarctic Dream, la nave che, come ci disse Marcella, la portò in Antartide l’anno prima.

Sbarco a Worsleyhamna

La mattina termina e finalmente nel pomeriggio, dopo pranzo, possiamo sbarcare coi gommoni a Worsleyhamna.

C’è un rifugio moderno vicino alla riva, di cui possiamo dare un’occhiata al suo interno. Con la guida cominciamo la passeggiata nel terreno della tundra artica, fatto di muschi, licheni e fiori.

Troviamo in terra una sorta di palo di legno, che porta la scritta Worsley Beacon. Sono i resti della meda di Worsley, eretta da Frank Worsley, Capitano della Endurance, la nave di Shackleton.

Più avanti incontriamo alcune renne in cerca di cibo, che fuggono appena ci vedono, e le tracce del passaggio di un orso.

La visita è breve e facciamo ritorno al gommone che ci riporta alla nave. La sera raggiungiamo per la seconda volta l’80° parallelo, col consueto brindisi sul ponte.

Durante la notte si naviga verso il Kongsfjorden.

E un altro giorno alle Svalbard se n’è andato.

Commenta questa pagina

Vuoi lasciare un commento a questa pagina? Scrivi le tue impressioni o le tue domande su "Liefdefjord e Worsleyhamna".

Nessun commento »

No comments yet.

RSS feed dei commenti su questa pagina. TrackBack URL

Leave a comment